Osteopatia

Strutturale

“La struttura determina la funzione” , “ la struttura e la funzione sono in relazione reciproca” e simili aforismi rappresentano tradizionalmente un altro dei principi osteopatici. Tale principio riconosce il posto speciale occupato dal Sistema Muscolo Sceletrico fra i sistemi del corpo e la sua relazione con la salute della persona.
La vita umana si esprime con il comportamento umano, per il fatto che gli esseri umani fanno le cose da esseri umani. Qualunque cosa che gli esseri umani fanno lo fanno con il sistema muscoloscheletrico. È il mezzo attraverso cui manifestiamo le nostre qualità umane e la nostra personale unicità: personalità, immaginazione, creatività, amore, compassione, valori e filosofie.

Il sistema muscolo scheletrico è il mezzo col quale noi comunichiamo l’uno con l’altro, sia che usiamo un linguaggio scritto, parlato o “ a segni” i gesti o l’espressione del volto. L’agricoltura, l’industria, la tecnologia, la letteratura, le arti e le scienze – cioè la nostra civiltà sono il prodotto di azioni umane, di interazione, comunicazione e comportamento, e cioè dalla contrazione e dal rilassamento orchestrato della muscolatura del corpo.

Rapporto con l’economia del corpo

l sistema muscolo scheletrico è il più grande dell’insieme dei sistemi corporei. Le sue componenti muscolari costituiscono nell’insieme il maggior consumatore nell’ambito dell’economia del corpo, non solo a causa della loro massa ma anche per via del loro fabbisogno di energia.
I sistemi cardiovascolari, respiratorio, digerente, urinario e alti sistemi, si fanno carico dell’alto e variabile fabbisogno metabolico del sistema muscolo scheletrico. Insieme questi sistemi forniscono il carburante e i nutrienti necessari, rimuovono i prodotti del metabolismo e controllano la composizione e le proprietà fisiche dell’ ambiente interno.
Il sistema nervoso si occupa anche, e per una parte notevole, del sistema muscolo scheletrico, e cioè del controllo del comportamento e del movimento. La maggior parte delle fibre nei nervi spinali e costituita da quelle che convogliano gli impulsi da e verso i muscoli e altre componenti del sistema muscolo scheletrico. Il sistema nervoso, le sue componenti autonome e il sistema circolatorio mediano lo scambio di segnali e di sostanze fra il soma e i visceri. In questo modo, l’attività viscerale, metabolica ed endocrina e costantemente sintonizzata, sul fabbisogno del sistema muscolo scheletrico e cioè su ciò che la persona sta facendo instante per instante.

Conseguenze della disfunzione viscerale

L’alterazione o il blocco di alcune funzioni viscerali o della comunicazione fra il sistema muscolo scheletrico e i visceri si riflette sul sistema muscolo scheletrico stesso. Quando la disfunzione che ne consegue è grave e diffusa, l’attività motoria e addirittura il mantenimento della postura sono difficili o impossibili e diventano automatici.

Il sistema muscolo scheletrico come fonte di effetti negativi su altri sistemi

Considerando il ricco input afferente del sistema muscolo scheletrico al sistema nervoso centrale, e il suo ricco interscambio di sostanze con altri sistemi per mezzo dei fluidi corporei, è inevitabile che i disturbi strutturali e funzionali del sistema muscolo scheletrico abbiano ripercussioni in qualche altra parte del corpo. Questi disturbi strutturali e funzionali possono essere di origine traumatica, posturale o di comportamento. Non bisogna dimenticare che la ossatura umana, in confronto a quella dei altri mammiferi, è eccezionalmente instabile e vulnerabile alle forze di compressione, torsione e taglio, a causa della configurazione verticale, dell’alto baricentro e della base bipede relativamente piccola.

Quando una disfunzione o una patologia si sviluppa in un viscere, quel disturbo si riflette nei tessuti somatici collegati segmentariamente. Viscere e soma si intrecciano in un circuito anomalo di impulsi afferenti ed efferenti che mantengono ed esasperano il disturbo. Un trattamento adeguato del componente somatico ( muscolo scheletrico) o quello viscerale riduce l’input diretto al circolo anomalo e può anche interromperlo con efficacia terapeutica.

Importanza del contesto personale

Il fatto che le disfunzioni somatiche siano o meno causa di alterazioni viscerali o vasomotorie, e con quali conseguenze sulla persona, dipende da ulteriori fattori, quali quelli genetici, nutrizionali, psicologici, comportamentali, socioculturali e ambientali.

Un trattamento efficace della disfunzione muscolo scheletrica protegge il paziente riducendo gli effetti negativi di altri fattori. Tale trattamento offre benefici sia preventivi che terapeutici.

La filosofia Osteopatica e il concetto di unità della persona ingiungono al Osteopata di trattare il paziente nella sua totalità, e non solo nelle parti colpite. Perciò sia l’Osteopata che il paziente dovrebbero porre un’adeguata attenzione verso la correzione dei fattori di rischio significativi che possono essere modificati.